il mio piccolo mondo | il mio studio

Oggi vi racconto del mio piccolo rifugio, piccolo non solo metaforicamente, ma soprattutto mio. I miei clienti lo definiscono accogliente e confortevole, ed è proprio quello che volevo, anche se gli spazi non sono grandi, ha tutto quello che serve…

Mi permette di gestire al meglio lavoro e famiglia, mi permette di non dividermi a metà, è un pezzetto di me, e ci metto il cuore. Ogni tanto ci litigo, perchè vorrei farci mille cose, ed è in continua evoluzione, ma la cosa più forte è che lo sento mio, mi rappresenta, è parte di me, e mi permette di fare il lavoro più bello del mondo, quindi grazie studietto.

il filo di Stefania

Quando un cliente torna in studio, divento testimone di un percorso di vita, dell’evoluzione e del cambiamento, indipendentemente da quanto tempo passi. Inevitabilmente mi trovo a ricordare a com’eravate e a come siete, come se ci fosse un filo invisibile che insieme a noi giorno dopo giorno ci segue.

Ho pensato di rappresentare questo filo invisibile, questo legame,  anche nelle mie sessioni. Le immagini parlano di voi, dei vostri bambini, e sono testimoni di cambiamento e crescita, ma il filo, ovvero la continuità, la coerenza e l’armonia la creo io, con il colore.

Insieme prima della sessione sceglieremo il colore che vi piace, che vi rappresenta e grazie ad abiti, accessori e tessuti, creeremo la vostra storia, il vostro filo d’unione.

Servizio Gravidanza in esterno

Non nascondo che se penso al servizio gravidanza penso subito alla sessione in studio, ma in questo periodo di incertezza, magari alcune mamme si sentono più tranquille nel farlo all’esterno. Per questo ho voluto scrivere questo articolo, per tranquillizzare le mamme che anche una sessione in esterno ha il suo fascino, e il risultato finale è bellissimo, vi lascio una raccolta di immagini delle sessioni eseguite in esterna, in varie location.

Se non sapete come scegliere la location trovate qualche suggerimento qui.

PRIMA e DOPO | Post produzione

Nuova rubrica nel blog, voglio raccontarvi di quello che succede dopo la fase di scatto, quando le foto magicamente passano dalla macchina fotografica al computer. L’obiettivo primario resta sempre quello di avere già in macchina una foto perfetta, ma ci sono piccoli ritocchi che vanno comunque eseguiti, e ci sono casi e situazione dove invece è indispensabile.

Oggi vi mostro un’immagine da una sessione newborn.

Anche una foto che può apparentemente sembrare pronta già dallo scatto è soggetta a revisione e miglioramento in post produzione. In questo caso presenta piccole imperfezioni della pelle, pellicine sui piedi e macchioline rosse. Il mio lavoro è stato quello di correggere queste imperfezioni ed equilibrare luci ed ombre. Un’immagine già bella può diventare perfetta.

Vi piace vedere anche il dietro le quinte delle immagini? Fatemi sapere lasciando un commento così presto ve ne mostrerò altre

Per poter vedere la sessione del piccolo Leoni al completo clicca qui.

5 errori da non fare coi vostri bambini prima e durante una sessione in esterno

#1_Non fategli la ramanzina > Durante la sessione i bambini dovranno sentirsi liberi, lasciate che siano bambini, è molto importante che prima non li prepariate, non ditegli “devi fare il bravo”, “devi sorridere alla macchina fotografica”  così facendo arriveranno prevenuti, e magari con un pochino di ansia da prestazione

 

#2_Non ditegli che verranno fotografati > E’ importante che loro arrivino carichi, quindi dovete essere voi a creare un pò di magia, dicendogli che li state portando in un posto speciale, dove potranno giocare, saltare, correre e avere mamma e papà tutti per sè, e che ci sarà una vostra amica che conosce tantissimi giochi

#3_Non promettete regali  > E’ capitato in passato che i bambini pensassero solo al regalo promesso, e che ogni due passi chiedessero “adesso andiamo a comprare il camion?”. E’ un momento di gioco, non un piacere che vi stanno facendo essere lì con voi

#4_Non strapazzateli > I bambini devono arrivare riposati, anche se questo significa scombussolare un pochino le abitudini per quel giorno, quindi organizzatevi col pisolino pomeridiano, o se no lo fanno più, teneteli comunque tranquilli. E’ importante che non si addormentino in macchina, voi appena svegli sareste pronti a ridere e correre?

#5_Non siate rigidi > Essendo una giornata un pò particolare, non preoccupatevi degli orari della merenda e della cena, ma gestite la fame del vostro bambino in modo che non gli venga nel momento della sessione. Naturalmente dovrete portare con voi acqua e uno snack, nel caso dovesse venirgli, ma loro non devono saperlo, un pò come per il regalo, potrebbero pensare solo a quello

Suggerimenti sull’abbigliamento per la vostra sessione in esterno

La prima domanda che mi fate sempre, dopo aver preso l’appuntamento per la vostra sessione in esterna è “come dobbiamo vestirci?”

Innanzi tutto 3 piccole, ma fondamentali regole:

– no stampe, no scritte, perfette le tinte unite

– no a colori scuri (marrone, blu, nero…)

– il bianco/panna è sempre la soluzione migliore

Se decidere di utilizzare delle fantasie (fiori, righe, pois, quadretti…) dovete stare attenti che sia una fantasia delicata, che non prevarichi sugli altri. I protagonisti della sessione siete voi e non gli abiti, ma se questi dovessero essere sbagliati il rischio che lo diventino c’è. E’ quindi importante fare delle scelte corrette.

Un altro suggerimento, se non sapete da che parte iniziare, può essere quello di optare su colori e sfumature prendendo ispirazione dall’ambiente. Mi spiego… se scegliete la spiaggia come location, allora potete utilizzare il bianco e l’azzurro, se invece avete scelto il prato allora potete optare per il giallo o il verde, se è autunno rosso o arancione… guardate la natura vi dirà che colori e che abbinamenti fare.

Un ultimo consiglio, non dovete per forza far indossare i jeans a vostro marito in piena estate, che vi odierà per questo arrivando alla sessione col muso, o voi indossare qualcosa che non vi fa sentire a vostro agio, e passare tutto il tempo a sistemarvi, RESTATE VOI STESSI.

Vi lascio qualche immagine così da vedere l’effetto in foto e possiate prendere ispirazione.

La luce e la location nelle sessioni in esterna

Dopo aver scelto di voler fare una sessione in esterna ai propri bambini o con la propria famiglia al completo la domanda è “dove e a che ora”? Scegliere l’orario e il posto giusto per la vostra sessione in esterna è importante, quindi voglio farvi una piccola guida.

Alba o tramonto? Spesso le mamme si spaventano a sentire la parola alba, ma nella realtà i bambini quando vengono svegliati non sanno che ore sono, soprattutto se sono piccolini. Certo è, che se il bambino è abituato a svegliarsi tardi tutte le mattine, probabilmente potrebbe non essere del tutto pimpante al mattino presto. In questo caso è doveroso che siate voi genitori a valutare se il bambino può risentire dell’orario.

Il tramonto è la scelta più opzionata dalle famiglie, ma anche in questo caso, nei mesi estivi, l’orario sarà intorno a quello della cena, dovrete comunque essere elastici e organizzarvi coi bambini.

Prato o spiaggia? Anche in questo caso dovete valutare cosa piace a voi e anche al vostro bimbo, spesso se la sessione è in spiaggia chiedo di entrare in acqua, ma non a tutti piace fare scik sciak coi piedini

La luce:  stessa location + stessa ora NON danno sempre lo stesso risultato                   Viviamo sul lago, vicino alle montagne, e spesso anche con previsioni meteo super favorevoli potrebbe esserci la nuvoletta di Fantozzi che arriva a coprire il sole, oppure la foschia dell’afa sul lago, oppure un banco di nuvolette leggere che non si schiodano dal punto esatto in cui sorgerà il sole.

E quindi? Scegliete quello che più vi sembra adatto a voi, ma non fissatevi sull’effetto della luce nell’immagine. Ricordatevi che i veri protagonisti siete voi e non il sole.

 

 

 

 

 

Spiaggia, sole non diretto. Sinistra alba, destra tramonto.

 

 

 

 

Stesso luogo e stesso orario. Sinistra alba calda – destra alba fredda.

 

 

 

 

Spiaggia, sole diretto. Stesso luogo, stesso orario

 

 

 

 

Prato, sole diretto.

 

 

 

 

Stessa sessione, con e senza sole.

 

 

 

 

Stessa location, con e senza sole

 

 

 

 

Location senza sole

Cosa comprende il servizio fotografico?

Oggi sulla mia pagina instagram vi ho mostrato alcune di queste immagini. Ma che cos’è? E’ il nuovo gadget compreso nelle sessioni fotografiche.

E’ un libretto tascabile, contenente le vostre immagini preferite di tutta la sessione. Potete tenerlo in borsa, per averlo sempre con voi, e mostrarlo a parenti ed amici.

Oppure potete decidere di regalarlo ai nonni, che saranno stra felici di portare sempre con loro qualche immagini del nipotino.

Il libretto misura cm 10×10 e contiene 14 immagini scelte da voi, ed è poi contenuto in una bustina in panno con chiusura, così da non rischiare di sciupare il libretto.

Perchè ho pensato di includere nel servizio fotografico anche un libretto tascabile? Perchè avere in mano un’immagine è un’emozione speciale, che di questi tempi ci stiamo dimenticando, e mi piaceva potervi ricordare quanto è bello farlo.

Per vedere l’interno del libretto potete andare sulla mia pagina instagram, nelle stories in evidenza in “prodotti”

Per sapere tutto quello che è compreso in una sessione fotografica clicca qui

Newborn Outside | Sessioni newborn in esterno – novità

Da due anni mi stavo studiando questo piccolo progetto per il mio giardino, ma non è così semplice come può sembrare… vi racconto di come ho creato insieme alla mia amica di Viole e Violini questo angolo pensato per fotografare i neonati.

Come dicevo, dall’estate scorsa, guardavo questo pezzetto di giardino e me lo immaginavo allestito per poter fotografare i miei piccoli modelli, ma da dove partire?! Quando poi la mia amica di sempre ha finalmente aperto il suo negozio Viole e Violini sapevo esattamente da dove iniziare, da lei, perchè lei mi avrebbe ascoltato e avrebbe creato qualcosa di speciale per me. Le ho mostrato delle immagini, frutto di tantissime ore di ricerche fatte online, perchè le foto outside non sono assolutamente diffuse, anzi… Partendo da lì, analizzando il sole, e testando il terreno mi ha proposto delle opzioni e così piano piano lo abbiamo creato. Abbiamo scelto le piante, le abbiamo piantate, e abbiamo aspettato che si adattassero…

 

 

 

 

 

 

 

 

Quello che vedete in foto è solo un piccolo angolo perché in realtà il mio newborngarden è lungo più di 3 metri in cui si sviluppano piccoli angolini con piante diverse e piccoli muretti. Ho già in mente come arricchirlo per l’anno prossimo, ma per intanto sono proprio soddisfatta di queste prime immagini.

Spero che questo mio nuovo progetto vi piaccia, non sarà una sessione extra ma nel periodo estivo durante le sessioni newborn verrà inserito anche questo set speciale.

The NewbornBag | Perchè prenotare il servizio fotografico newborn?

Hai già pensato se vorrai fare le foto al tuo bimbo appena nato? è importante valutare prima della nascita questa decisione e ti spiego perchè…

innanzi tutto il momento ideale per essere fotografato è tra gli 8 e i 12 giorni di vita, questi primi giorni passeranno così in fretta che quando ti verranno in mente le foto il piccolo avrà già un mese o più. Se invece decidi per tempo, dovrai solo avvisarmi che il piccolo è nato e che state bene e poi penserò a tutto io, inoltre saperlo prima del parto mi permette di organizzarmi al meglio con le sessioni, in base alle nascite previste.

Ma perchè prenotare il giorno della sessione gravidanza? Per ben due motivi, prenotando avrai diritto ad uno sconto sulla sessione newborn, e avrai in regalo la newbornbag.

Questa è una piccola novità di quest’anno, è un regalino che ho pensato per coccolare le mie mamme. All’interno di questo sacchetto troverai tutte le istruzioni per il giorno della sessione newborn oltre ad un pensiero per te e ad uno per il tuo bimbo, non voglio però spoilerarti la sorpresa anche se dalle foto potrai immaginarlo 😉

Come si prenota? Il giorno della sessione gravidanza con un piccolo acconto, io mi segnerò in agenda la data presunta e poi dovremo solo aspettare il suo arrivo..